CRONACA: Greta e Vanessa, ma quali cooperanti? Il deliro del turismo del rischio

Greta e Vanessa non sono cooperanti! Smettetela di chiamarle così. Avete idea di cosa sia un cooperante, di quanto studi una persona per poter accedere a missioni all'estero dove è necessaria una preparazione psicologica e professionale? Smettiamola di essere qualunquisti per favore. Greta e Vanessa sono delle ragazze pieni di ideali e di buona volontà, incoscienti senza una adeguata preparazione. Che le famiglie adesso paghino per il riscatto, visto che io, lavorando da cooperante, neanche vedrò la pensione. Italia, Paese sempre più ridicolo.



Questo è stato il mio post su Facebook relativo alla vicenda del rapimento di Greta e Vanessa. Premetto che la vicenda secondo il mio giudizio presenta ancora molti lati oscuri, nonostante ciò voglio dire la mia.
Non mi trovo in italia e quindi non ho seguito con dovizia di particolari ogni intervista, ogni frase, ogni aggiornamento. Ho cercato di rimanere fuori dalla vicenda, di non commentare, di non scrivere e sopratutto di non farmi prendere dalla rabbia.
Rabbia per come i mezzi di comunicazione italiani, sempre più ridicoli, sempre più somiglianti al circo di Moira Orfei ( chiedo scusa a Moira per il paragone) trattano la vicenda e manipolano parole, concetti, professioni. Ho ascoltato i servizi delle reti Mediaset, della RAI e cosi via, ho "sfogliato " i giornali on -line ed ho trovato sempre il solito qualunquismo. Il concetto di base, che credo sia condiviso da molti italiani, è che sinceramente non me ne frega niente di quello che volevano fare Greta e Vanessa in Siria. Il punto è che in Siria, nelle loro condizioni, non ci dovevano andare. Cosa voglio dire con questo, semplice: Greta e Vanessa sono due ragazzine come tante, piene di buone intenzioni, di ideali e magari anche di idee ma sono maledettamente impreparate a quello che c'è la fuori. Sia ben chiaro che io non giudico la loro scelta di vita, ribadisco, non mi tange la loro vita, la gestiscano come credono. Quello che non sopporto è che tutta una categoria venga accostata a Greta e Vanessa. Avete idea di cosa ci voglia per poter diventare cooperante internazionale, no? Bene allora vi do qualche indizio.

Laurea ( necessaria)
Master ( necessario per posti da tecnico specialista)
Stage (quasi sempre non pagato) di almeno 6 mesi in organizzazioni internazionali di alto profilo
Inglese, spagnolo e francese ( almeno due di queste lingue quasi sempre richieste)
Arabo, Russo Swahili, etc. dipendendo dall'area geografia nella quale si opera

E potrei continuare perché per fare questa professione non si è mai  sufficientemente preparati!

Tutto queste caratteristiche solo per iniziare ed essere  considerato cooperante Junior, infatti per diventare Senior si devono accumulare tra i due e i tre anni di esperienza .
Inoltre non tutti i cooperanti vanno "sul campo", ovvero partecipano a missioni all'estero che ovviamente prevedono rischi per l'incolumità personale.
Chi vieni inviato all'estero spesso deve sottoporsi ad una preparazione diversa, codici di sicurezza, test psicologici per gestire lo stress ed evitare il burn out e molto altro.

Arrivati a questo punto vi faccio una domanda? Cosa centrano Greta e Vanessa con la cooperazione?

Cara Greta, cara Vanessa, sono estremamente felice del fatto che siate tornate a casa ed abbiate potuto riabbracciare i vostri familiari che sicuramente non hanno capito le vostre scelte e sono morti di paura nel sapervi sequestrate in Siria. Adesso però dovete chiedere scusa agli italiani non solo alle vostre famiglie. Siete state incoscienti, ingenue ed anche un po' egoiste, ve ne rendete conto? Non avete nessuna preparazione per affrontare uno scenario di guerra dove le più grosse organizzazioni internazionali del settore non sono ancora intervenute. Non avete il diritto di costringere i contribuenti italiani  a pagare un riscatto milionario per la vostra liberazione. Ho dieci anni più di voi, faccio il cooperante e per arrivare  questo punto ho dovuto fare dei sacrifici che neanche vi immaginate e come me molti altri colleghi che ancora studiano e cercano di migliorare le loro competenze. Non ci sveglia una mattina e si decide che si è preparati per affrontare un conflitto.
Spesso anche essere preparati non basta, ne sono cosciente, molti colleghi sono morti o sono stati rapiti, l'imprevisto esiste e gli scenari di guerra non risparmiano nessuno.

Volete fare le volontarie, rivolgetevi a delle persone serie come K e le sue colombe.

Volete diventare cooperanti, allora studiate come hanno fatto i migliaia di professionisti in giro per il mondo.

Copio due dichiarazioni con le quali concordo ( è la prima volta che sono d'accordo con Salvini e la cosa mi spaventa)

Diretore Amnesty International Italia,Gianni Rufini,
 "Per fare volontariato non bastano i buoni propositi, ma servono professionalità e organizzazione."
Segretario della Lega Nord Matteo Salvini con un post su Facebook:
“Il padre di Vanessa, una delle due ragazze rapite e per fortuna tornate, dice che la figlia non deve scusarsi di nulla. Goditi tua figlia e taci, per rispetto degli italiani che hanno pagato, e dei lavoratori italiani che rischieranno altri rapimenti nel mondo”.

Greta, Vanessa, vi siete chieste quante persone verranno uccise con le armi che saranno comprate con i soldi del vostro riscatto. Chi avete aiutato? Avete salvato dieci vite, quelle armi uccideranno migliaia di persone...

L'ultima cosa, adesso magari iniziate a lavorare e a ridare ai contribuenti italiani quanto pagato per la vostra liberazione!


Tanto, come ha commentano un'amico su Facebook ,avrete modo di fare due soldi con qualche ospitata da Barbara d'Urso... 


Vi lascio con  queste parole di Fabrizio De André




------------------------------------------------------------------------

Non ti dimenticare di condividere l'articolo

e



Grazie!

La Fraternità non e un sentimento, è uno stile di vita!
A presto, Diego
Clicca qui per saperne di più su di me e vieni a scoprire l'Atlante Fotografico dei miei viaggi.

Se vuoi visitare l'archivio della sezione dedicata alla cronaca, clicca qui.


2 commenti:

  1. Hai ragione, Diego. Il mondo della coorperazione non ha bisogno di bambini che fanno piu danni che aiutare. A certe persone manca totalmente la umilta di accetare che non hanno niente da offrire ne la responsabilita di accettare le proprie colpe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così Andrew. Aggiungo che non sono ancora del tutto convinto dalla vicenda e credo che ci siano ancora molti coni d'ombra nella loro storia.

      Elimina