VIAGGI - RUSSIA's photo story e diario di viaggio

Oramai mi ritengo un veterano di viaggi.  Dal 2004 ho iniziato a dare sfogo a questa necessità che colpisce uomini e donne di diverse parti del Mondo e che è davvero difficile da spiegare a chi non ne è affetto. Tantissimi pregiudizi sono stati scardinati attraverso questi viaggi e molte più cose di quelle posso raccontare sono rimaste come vivo insegnamento di tutto quello che mi ha attraversato.  A volte però pago ancora il prezzo dell’arroganza. Ci sono luoghi che nel corso degli anni mi hanno dimostrato quanto ridicolo sia il pensiero, che ha volte mi attraversa la mente, di sapere tanto, davvero tanto. La Russia è stato l’esempio di quanto ho appena affermato. Non ho visitato la Russia, del resto come avrei potuto, è pur sempre  il Paese più grande del Mondo ma ho avuto la fortuna di poter visitare almeno San Pietroburgo e Mosca. Sono cresciuto, come molti di voi, con il nozionismo scolastico italiano prodotto dagli anni della guerra fredda, avevo 4 anni quando è caduto il muro di Berlino. Ho imparato a memoria l‘immagine della Russia che mi è stata raccontata e nonostante abbia cercato di approfondire alcuni eventi di mio interesse come la vita di Lenin e gli eventi di Kronstadt del 1921, non sono riuscito a rimanere immune dalla propaganda antisovietica. La Russia che mi sono trovato di fronte è stata quanto di più lontano potevo immaginare, probabilmente l’opposto della fotografia che gli stereotipi avevano creato nella mia mente. Non posso e non voglio scrivere un solo articolo per raccontare la meraviglia, lo stupore, l’ammirazione e il rammarico provati in questo viaggio. Produrrò dunque due articoli, uno per San  Pietroburgo, la città più europea della Russia e uno per la capitale, Mosca.  La Russia mi ha dato una grande lezione, mi ha insegnato davvero tanto, spero di non dimenticarlo. Ovviamente non sono state solo “rose e fiori” come si dice in gergo, la Russia mi ha mostrato anche i suoi lati peggiori, le sue mancanze e le sue debolezze. Non è stato facile, nonostante io parli 4 lingue, districarmi nel tessuto urbano di San Pietroburgo e Mosca. Lo straniero è ancora uno straniero, queste città sono lontane dal Melting Pot al quale ci hanno abituato Berlino, Madrid, Londra o Parigi. Non peggio, non meglio: solo diverso e strano essere in una città cosi grande e dover comunicare con i gesti…

Su Facebook ho tenuto un resoconto che potrete trovare digitando questo hashtag:


Qui invece trovate gli articoli fotografici che ho realizzato sulla Russia


FOTO  - Mosca, capitale/specchio dello Stato più grande del Mondo

Altri articoli sulla Russia presenti in questo Blog


Vuoi dei consigli su cosa vedere, dove dormire e dove mangiare? 
Allora guarda le mie recensioni su Trip Advisor
Se invece vuoi continuare a viaggiare per altre destinazioni ed immergerti in altre culture attraverso le mie foto, vieni a scoprire l'Atlante Fotografico dei miei viaggi oppure visita la sezione Isole e Arcipelaghi 

Nessun commento:

Posta un commento