CRONACA: BREXIT, l'alba del giorno dopo

E'successo quello che pochi si aspettavano. Forse neanche  gli stessi britannici se lo aspettavano. L'Europa unita, quell'Europa di Maastricth del 1 di novembre del 1993 è durata solo 23 anni: ieri ha vinto il LEAVE.  Ieri, 24 di giugno 2016 qualcosa si è rotto, ieri il sogno è stato ridimensionato. Il Regno Unito di Gran Bretagna (UK) ha giocato fin dagli accordi del 1993 come outsider. Sicuramente ha rappresentato una delle economie più forti dell'UE ma è altrettanto certo che molti processi di integrazione europei hanno trovato la forte opposizione di un Paese che fatica a metabolizzare un ruolo da comprimario. UK è stato l'ultimo grande impero che il Mondo ha conosciuto ed a tutt'oggi mantiene colonie in ogni parte del globo. Le analisi sui voti del  BREXIT ci mostrano come proprio la Old Generation (gli anziani) sia stata decisiva per l'uscita dall'UE. Una generazione che non riesce a metabolizzare l'immigrazione e la rapidità con la quale sta cambiando il volto sociale della Gran Bretagna.


Lo scenario che si apre ora sfugge probabilmente anche ai migliori analisti. Di certo rimangono alcune osservazioni che sono alla portata di tutti. Ad esempio il discorso sulla lingua dell'ufficiale dell'UE che fino ad oggi è stata l'inglese. Quindi da ieri la lingua dell'ufficiale dell'UE è quella di un Paese che dell'UE non fa più parte. Comico direi.

Per quanto mi riguarda , la notizia prende anche a me di sorpresa. Mi trovo a Cipro, un'isola meta di un turismo inglese di massa (quasi 1 milione di inglesi visitano l'isola tutti gli anni). Posso quindi avere un campione sulle diverse reazioni. Ieri per le strade sono apparse molte bandiere. Fuori dai locali, alle finestre degli appartamenti in affitto, addirittura in spiaggia. Bandiere nazionali, come quella dell'Inghilterra e della Scozia. Le opinioni dei britannici con i  quali ho parlato sono contrastanti.  Ho visto gente gioire e gente essere presa dallo sconforto. Le bandiere scozzesi mi hanno però fatto venire in mente che nel 2017 anche la Scozia sarà chiamata a votare, dovrà decidere se rimanere o meno dentro UK e se decidesse di uscirne si aprirebbe davvero una nuova, imprevedibile,  era


Potrei scrivere molto sul BREXIT ma in realtà sono già state scritte un' infinità di cose, molte delle quali, scritte bene. Per questo ho deciso di raccogliere diversi articoli che toccano diversi aspetti sociali, economici, politici e culturali che riguardano ciò che è accaduto ieri e sopratutto ciò che accadrà. E' necessario a mio avviso, farsi un'idea. E' necessario capire come cambierà lo scenario di un Mondo che sta pericolosamente e nuovamente, ammiccando ai nazionalismi.

Brexit, risultati in diretta: vince il Leave col 52%. Regno Unito esce da Ue. David Cameron si dimette: “Nuovo premier entro ottobre” - IL FATTO QUOTIDIANO

Brexit, Londra via dalla Ue: economia e turismo ecco cosa cambia - IL MESSAGGERO

BREXIT, cosa succede ora che il Regno Unito lascia l'UE - FOREXINFO.IT

“Cos’è l’Ue?” seconda ricerca su Google: gli inglesi hanno votato senza sapere per cosa - LA STAMPA

La scelta giovane del Remain, gli inglesi sotto i 24 anni vogliono l'Europa - REPUBBLICA

Le reazioni dei giornali internazionali al BREXIT - CORRIERE DELLA SERA

E' Brexit: sterlina in caduta libera, Borse a picco. Piazza Affari mai così male: -12,5% - REPUBBLICA

Brexit, l'impatto sulla musica della possibile uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea - RADIO MONTECARLO

Brexit, Premier League diritti tv e calciatori stranieri: ecco cosa potrebbe accadere nel calcio - IL FATTO QUOTIDIANO



------------------------------------------------------------------------

Non ti dimenticare di condividere l'articolo

e



Grazie!

La Fraternità non è un principio, è uno stile di vita!
A presto, Diego
Se vuoi visitare l' archivio della sezione: cronaca, clicca qui.

Nessun commento:

Posta un commento