Get Involved in Humanitarian World: start today, start from here!



There are a number of meanings for the term humanitarian. Here humanitarian pertains to the practice of saving lives and alleviating suffering. It is usually related to emergency response (also called humanitarian response) whether in the case of a natural disaster or a man-made disaster such as war or other armed conflicts. Humanitarian principles govern the way humanitarian response is carried out.

Humanitarian principles are a set of principles that governs the way humanitarian response is carried out. The principle is central to establishing and maintaining access to affected populations in natural disasters or complex emergency situations. In disaster management, compliance with the principles is essential elements of humanitarian coordination. The main humanitarian principles have been adopted by the United Nations General Assembly. The four guiding principles are Humanity, Neutrality, Impartiality, and Independence.

If you want to get involved in this world as a professional, you need to train yourself and acquire specific skills and tools. 

In the following list you will find several helpful  resources as a Networks, Academies, Institutes and more.  In these different spaces could get you specific training and a platform to get in touch with NGOs and UN agencies that are working in this field. 

Let's Start!

**********



Excellent professionals and  innovation make the difference
HTA  train humanitarian professionals worldwide and certificate their excellence.
HTA build excellence and innovation at every step of the Disaster Management: before, during and after a crisis. 

Professional profile certification  (Short Master)
One Year Master
Thematic Training

**********



NOHA Network on Humanitarian Action is an international association of universities that aims to enhance professionalism in the humanitarian sector through education & training, research & publications, and projects.

  • The network of 12 European and 14 global partner universities
  • Joint Master Degree in International Humanitarian Action
  • Annual thematic schools and an undergraduate module
  • Journal of International Humanitarian Action
  • 150+ professors and lecturers
  • A network of over 3,500 graduates working all around the world

**********



The Humanitarian Leadership Academy is a global learning initiative set up to facilitate partnerships and collaborative opportunities to enable people to prepare for and respond to crises in their own countries.

Our Mission
To enable people around the world to prepare for and respond to crises in their own countries

**********



The Humanitarian Academy for Development (HAD) is a leading Learning, Research, and Talent development center serving the humanitarian sector. Established in 2013 by Islamic Relief Worldwide, the largest Muslim NGO in the UK, HAD strives to enhance the skills and knowledge in the wider humanitarian sector through capacity building, applied research and leadership development.

**********



The REACT course is a five-week training programme on international peace operations intended for professionals interested in improving their knowledge of conflict prevention, crisis management and post-conflict rehabilitation, developing practical skills for their work in the field.

**********



The Bioforce Institute is an organisation working for the public interest. In this section you can meet the people behind the scenes, including the members of the board of trustees, who help develop the strategy and vote on the broad guidelines, as well as the management team which directs the operational activities.​

**********




Founded by Dr. Kirsten Johnson, Humanitarian U is a social enterprise that is one of the leading educational organizations globally to deliver professional certification and training to humanitarian workers around the world, anywhere, anytime. Through Dr. Johnson’s network, Humanitarian U’s web-based and face-to-face training programs provide universities, emergency medical teams, non-governmental organizations and individual aid workers with the front-line, field-driven knowledge required to face the most challenging situations with safe and dynamic solutions.

**********



The Cornerstone OnDemand Foundation established DisasterReady.org to bring the most effective humanitarian training resources to aid workers and volunteers - anywhere, anytime. All 100% free

Free Online Training for Humanitarians.
Choose from more than 600 courses, videos, and online resources from experts in all aspects of humanitarian aid. Many courses donated by leading NGOs. 
DisasterReady is trusted by more than 100,000 humanitarians responding to disasters around the world.

**********




Harvard Humanitarian Initiative (HHI)
We are a university-wide academic and research center at Harvard University that brings an interdisciplinary approach to promoting understanding of humanitarian crisis as a unique contributor to global health problems and to developing evidence-based approaches to humanitarian assistance.

Humanitarian Academy at Harvard (HAH)
The Humanitarian Academy is dedicated to educating and training current and future generations of humanitarian leaders. We aim to create a professional pathway for students and practitioners of all levels in the humanitarian space and to serve as a prototype for other academic centers of excellence in humanitarian education.

**********



RedR UK trains life-savers. We give people the skills to be ready for, and respond to major disasters like earthquakes, floods, conflict and drought.  

Citizens are always the first responders to a disaster. That’s why we build the skills of national aid workers working for local organisations in disaster-prone countries through our training, through the co-working of our members or through our free technical advice service. Our approach ensures skills remain in-country for the long-term, ready for future disasters. 

**********

Better you to know also these websites related to "Humanitarian World"



**********



**********



**********



Don't' forget to share this article 

And 

follow me on Facebook



Thank You!
Diego



A Scandicci nasce il 'Viale dell'Umanità e dei Diritti Umani'

In questi tempi buoi dove sembra tornato un'oscurantismo medioevale e dove i profeti della Pace e delle lotte per i diritti umani sembrano aver perso la loro influenza, nel nuovo Parco di Vignone, a Scandicci, viene inagurato il  'Viale dell'Umanità e dei Diritti Umani'.



L'iniziativa è a cura del Comitato Viale dell'Umanità e dei diritti Umani con il patrocinio del Comune di Scandicci.Nel viale vi saranno platani, querce rosse, liquidambur, salici piangenti e lecci intitolati a 12 personalità straordinarie, protagoniste a livello mondiale negli ultimi due secoli di storia. 

Ecco i nomi dei/delle prescelte:


  1. Rita Levi Montalcini, Premio Nobel per la Medicina 1986 (Torino 1909-Roma 2012) 
  2. Gandhi, politico e filosofo pacifista (Porbandar 1869-Nuova Delhi 1948), 
  3. Rolando Toro, psicologo antropologo (Concepcion 1924-Santiago del Cile 2010), 
  4. Rosa Parks, attivista per i Diritti Civili (Tuskegee 1913-Detroit 2005), 
  5. Gianni Rodari, scrittore e pedagogista (Omegna 1920-Roma 1980), 
  6. Nelson MandelaPremio Nobel per la Pace 1993 (Mvezo 1918-Johannesburg 2013), 
  7. Martin Luther King, Premio Nobel per la Pace 1964, (Atlanta 1929-Memphis 1968), 
  8. Tsunesaburo Makiguchieducatore e filosofo (Arahama 1871-Tokyo 1944), 
  9. Florence Nightingale, fondatrice dell'Assistenza Infermieristica (Firenze 1820-Londra 1910), 
  10. Wangari Muta Maathai, Premio Nobel per la Pace 2004 (Ihite 1940-Nairobi 2011), 
  11. Albert Schweitzer, Premio Nobel per la Pace 1952 (Kaysersberg 1875-Lambarene 1965), 
  12. Madre Teresa di Calcutta, Premio Nobel per la Pace 1979 (Skopje 1910-Calcutta 1977).


“Con l'intitolazione del viale dell'Umanità, Scandicci non si limita a omaggiare grandi personalità della storia attraverso il loro ricordo permanente, ma ribadisce con sempre più forza come i valori di pace, giustizia, libertà e uguaglianza siano patrimonio della nostra città "– dice il Sindaco Sandro Fallani - L'iniziativa ha ancora più significato perché nasce dalla proposta di un'associazione cittadina: è quindi espressione di un sentimento che cresce in chi abita e vive la nostra città, e si concretizza nella creazione di un nuovo cammino pubblico cittadino, una passeggiata in luoghi di alto valore ambientale che sarà ritrovo e percorso per le persone a partire da un quartiere molto vissuto quale è Vingone. Oggi Scandicci è una città ancora più ricca, e tutti noi ne siamo orgogliosi”.
Come spiegano i promotori, il progetto “ha come scopo la valorizzazione della sacralità della vita e la tutela dei diritti umani, attraverso la sensibilizzazione dei giovani studenti e delle loro famiglie”.
Il tratto all'interno del nuovo Parco di via Masaccio a Vingone è il primo del progetto del Viale dell'Umanità, che in futuro si svilupperà in città: “Il numero di dodici personalità rappresenta il ciclo annuale che nel suo ripetersi diventa l'eterno ciclo della vita. Ogni futura piantumazione si ripeterà in multipli di dodici”.
Alla base di ogni albero sarà posto un cippo con una targa riportante il nome della personalità a cui la pianta viene dedicata. In testa ad ogni sezione alberata sarà posta una bacheca riportante le brevi note biografiche delle personalità.
“Il desiderio di pace, che lega gli abitanti di Scandicci”, dicono infine i promotori, “è che questo viale incontri altri viali nati spontaneamente in ogni comune dell'area di Firenze, della Toscana e del mondo. Formando così un cordone ombelicale vitale e pulsante, ad eterna memoria di questi eroi comuni che hanno indicato il valore del rispetto di ogni singola particella di vita”.

------------------------------------------------------------------------

Non ti dimenticare di condividere l'articolo

e



Grazie!

La Fraternità non è un principio, è uno stile di vita!
A  presto, Diego

Se vuoi visitare l' archivio della sezione "Cronaca"clicca qui.

FEMMINICIDIO: significato, numeri e tipologie.


Il femminicidio (inteso come un complesso problema sociale e un tipo di violenza con evidenti sottintesi di genere) è attualmente parte di dibattiti concettuali relativi alla violenza stessa, alle sue cause, alle responsabilità dello Stato nell'affrontarlo, alle sfide del Diritto inerenti alla sua tipificazione e alla progettazione di politiche pubbliche che contribuiscano a combatterlo. 

La violenza sessista può combinare diversi scenari, tipi e modalità differenti passando dall'abuso sessuale fino all'assassinio di donne lesbiche. In questo modo la violenza femminicida risulta essere la costruzione di una modalità nella quale si apprezza la concentrazione di tutti i tipi di violenza, derivanti nell'assassinio di donne e ragazze.

Cos'è il FEMMINICIDIO

Dobbiamo distinguere il femminicidio dagli omicidi delle donne e sottolineare come il primo, sia l'estrema conseguenza dell'esercizio del potere sotto un ordine sociale patriarcale. Quindi, il dominio sulle donne, i loro corpi (e ovviamente le loro vite) ha portato al centro della discussione la questione del perché le donne vengano uccise per il solo fatto di essere tali, costringendo una specifica analisi di genere per comprendere appieno la complessità del problema.

Diana Russel e Jill Radford definirono il femminicidio come la rappresentazione estrema delle diverse espressioni di violenza, nonché la conseguenza "di un continuum di terrore antifemminile che include un'ampia varietà di abusi sessuali e fisici ... Ogni volta che queste forme di terrorismo si traducono in morte, diventano femminicidi ".

Più tardi, Russell offrì una definizione più specifica di "femminicidio", differenziando gli omicidi misogini (derivati dall'odio verso le donne) e gli omicidi sessisti, che includono anche omicidi compiuti da uomini motivati dalla semplice (e aberrante) convinzione di averne diritto.

Quali sono i tipi di FEMMINICIDIO?

Tra i tipi più comuni di femminicidio troviamo quello che in spagnolo viene definito come Monárrez, cioè femminicidi intimi (commessi dal compagno o da un membro della famiglia); segue il femminicidio a causa di occupazioni stigmatizzate (tipologia realativa agli omicidi di donne uccise per svolgere attività socialmente censurate) e di femminicidi sessuali o sistemici (tipologia legata a omicidi di donne in comunità i cui corpi sono lasciati volontariamente in spazi pubblici). In tutti i casi, il principale fattore di rischio è semplicemente quello di appartenere al sesso femminile.

Esistono inoltre la distinzione tra femminicidi diretti (relativi all'omicidio di donne legate alla violenza da parte del partner) e femminicidi indiretti, come risultato delle azioni o omissioni delle istituzioni statali (ad esempio aborti non sicuri). Il femminicidio è, quindi, una manifestazione estrema della violenza di genere, un brutale esempio di violenza contro le donne che oltrepassa confini geografici, sociali o economici. In sintesi, un brutale attacco ai diritti umani.



Qual è la situazione dei FEMMINICIDI nel mondo?

Diverse organizzazioni internazionali si sono preoccupate di promuovere un'indagine comparativa del femminicidio tra diversi paesi. In particolare mettendo in evidenza le informazioni dell'UNODOC, che nel 2018 ha constatato che circa 87.000 donne sono state uccise in tutto il mondo. Di queste, circa 50.000 (il 58%), per mano dei loro partner o familiari. Ciò significa che sei donne su dieci vengono uccise ogni ora da persone che conoscono e che fanno parte della loro cerchia intima.

In termini di distribuzione geografica, Africa e America Latina sono le regioni in cui le donne sono maggiormente a rischio di essere uccise dai loro partner. Il tasso più basso è stato registrato in Europa, con 0,7 vittime per 100.000 donne.

Quali azioni possono essere intraprese per affrontare questa situazione?

La violenza contro le donne rappresenta una seria sfida per le istituzioni statali che devono prevenire, affrontare, indagare e punire i comportamenti che violano i diritti umani delle donne.

A livello internazionale, sono state promosse diverse azioni per rafforzare le capacità istituzionali e permettere che queste si traducano in buone pratiche in diversi paesi del mondo. Azioni che vengono promosse da numerose organizzazioni internazionali specializzate in questioni di genere che  rafforzano ogni giorno di più la loro presenza e legittimità. Esistono inoltre attori istituzionali che promuovono azioni comuni nella società civile e Governi che dimostrano di possedere la  volontà politica di affrontare il problema. Rimane chiaro però che qualsiasi approccio a questo problema, non può prescindere dalla questione di genere che diventa fondamentale per cercare di capire i meccanismi delle nostre società patriarcali che trasformano troppo spesso in vittime di femminicidio donne e ragazze in tutto il mondo.  

Articolo tradotto dallo spagnolo dal sito web di Perifericas.es, Scuola di Femminismo Alternativo

------------------------------------------------------------------------

Non ti dimenticare di condividere l'articolo

e



Grazie!

La Fraternità non è un principio, è uno stile di vita!
A  presto, Diego

Se vuoi visitare l' archivio della sezione "Cronaca"clicca qui.