L'UNESCO ha creato la Biblioteca Digitale Mondiale: un progetto per unire l'umanità attraverso la cultura.

Attraverso Internet, l'UNESCO mette a disposizione gratuitamente importanti materiali culturali provenienti da tutti i paesi del mondo: materiali multilingue e di  facile accesso. Un affascinante tour virtuale per non smettere di leggere e crare una vera cittadinanza globale.




La Bilbioteca Digitale Mondiale (WDL per la sua sigla in ingles) è una biblioteca internazionale creata dall'Unesco (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura) e la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti d'America per mettere a disposizione di tutta l'umanità  i contenuti/materiali culturali del mondo attraverso gli archivi digitali di dozzine di biblioteche nel mondo.

L'idea dei creatori di questa libreria è che i materiali siano disponibili in tutte le lingue e alfabeti del mondo: al momento sono disponibile in spagnolo, inglese, francese, portoghese, russo, arabo e cinese. L'obiettivo di questo progetto  è quello di offrire non solo libri digitali ma anche mappe, fotografie, manoscritti, partiture musicali, registrazioni, film, documenti architettonici e altri tipi di materiali culturali digitalizzabili che sono conservati in diverse biblioteche e entità culturali provenienti da diverse parti del mondo .

Questa iniziativa mira a promuovere la comprensione interculturale e la varietà di contenuti culturali su Internet, oltre a fornire risorse a educatori, studiosi e al pubblico in generale che possono cercare tra i 19.147  articoli caricati su 193 paesi nel periodo tra 8000 a. C. e 2000. (costantemente in aumento)

Gli articoli disponibili hanno descrizioni multilingue dettagliate e sia la ricerca che la navigazione sono molto facili da usare e possono essere fatte in generale o per tipo di articolo (immagini, mappe, manoscritti, ecc.), Per parole chiave, argomento, periodo o luogo.

L'idea originale di creare questa biblioteca internazionale venne dal bibliotecario del Congresso James H. Billington che la propose all'Unesco. Un anno dopo, la stessa organizzazione insieme al  Biblioteca del Congresso USA  condusse un incontro tra esperti con i principali stakeholder di tutte le regioni del mondo. Nel 2009, la World Digital Library vide la luce, e 10 anni dopo questo progetto si conferma come un passo importante verso l'interculturalità e la cittadinanza globale. 


In questo modo, le nuove tecnologie facilitano il fatto che una grande ricchezza culturale non vada persa e sia pubblicata per tutti in modo non tradizionale. Allo stesso tempo, permette di dirigere il sogno di Jorge Luis Borges: una biblioteca universale.

Artículo original en español: clic aquí
------------------------------------------------------------------------

Non ti dimenticare di condividere l'articolo

e



Grazie!

La Fraternità non è un principio, è uno stile di vita!
A  presto, Diego

Se vuoi visitare l' archivio della sezione "Cronaca"clicca qui.